70 utenti


Libri.itLUCE E OMBRAA PRIMA VISTA POCKET: PICTURE TALKA PRIMA VISTA POCKET: LATINO VERBIN. 218 EDUARDO SOUTO DE MOURA (2015-2023)A PRIMA VISTA POCKET: ITALIANO VERBI
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!










Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

1 Dicembre 2022 17:56

Stupri di guerra

37 visualizzazioni - 0 commenti

di Tonio Dell'Olio


Con un articolo di Anna Lisa Antonucci, L'Osservatore romano ci fa sapere che per due giorni a Londra si è svolta una conferenza internazionale cui hanno partecipato i rappresentanti di 70 Paesi su un tema drammatico: la violenza sessuale come arma di guerra. Un abominio che riguarda molti territori in conflitto come l'Ucraina, l'Etiopia, la Colombia, la Repubblica Democratica del Congo, l'Iraq e il Sud Sudan. Oltre a quelle dei rappresentanti delle Nazioni Unite e dei politici presenti, si sono ascoltate testimonianze in carne viva di donne che sono state sottoposte alla peggiore delle torture che la mente umana possa pratica e, addirittura, pianificare. Il presidente della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite del Sud Sudan, Yasmin Sooka ha raccontato che si può dimostrare come in alcuni territori del Sudan del Sud la violenza sessuale sulle donne della minoranza Dinca è stata pianificata accuratamente e realizzata addirittura su bambine di nove anni. A supervisionare tale crudeltà vi era un commissario di contea nominato dal governo. Ancora una volta si trattava di un programma di "pulizia etnica" nel tentativo di estinguere o sostituire un'etnia. Sul corpo delle donne e nel silenzio, nella distrazione del mondo.

COMMENTA