337 utenti


Libri.itTHE GRAND TOUR. THE GOLDEN AGE OF TRAVELKUMA. COMPLETE WORKS 1988-TODAYROBERT CRUMB. SKETCHBOOK, VOL. 6: 1998 - 2011JAPAN 1900QUANDO DORMO LA NOTTE…
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Categoria: Scuola Normale Superiore

Visita: https://www.sns.it/

Totale: 9

Restare o partire? Migrazioni e carriere nella ricerca

Scuola Normale Superiore
Istituto di Studi Avanzati Carlo Azeglio Ciampi

RESTARE O PARTIRE? MIGRAZIONI E CARRIERE NELLA RICERCA
Mercoledì 9 Giugno 2021, ore 17-19

*Introduzione
Luigi Ambrosio, Direttore della Scuola Normale Superiore

*Le politiche del governo
Maria Cristina Messa, Ministra dell’Università e della Ricerca

*Testimonianze
Rossella Ciccia, politiche pubbliche, University of Oxford
Alessio Figalli, matematica, ETH Zürich
Lucia Prauscello, letteratura greca, University of Oxford

*L’emigrazione di ricercatori e ricercatrici: dinamiche e determinanti
Mario Pianta, Scuola Normale Superiore
Leopoldo Nascia, Istat
discussant: Ettore Recchi, Sciences Po, Parigi

*Le politiche possibili
Massimo Livi Bacci, Accademia Nazionale dei Lincei

Visita: www.sns.it

Polis - Recovery Fund: quali sfide e opportunità per l'Italia?

POLIS Dialoghi su politica e società 2021
Recovery Fund: quali sfide e opportunità per l’Italia?

ne discutono
SILVIA MERLER Algebris Policy & Research Forum
FABRIZIO BARCA Forum Disuguaglianze Diversità

presiede MANUELA MOSCHELLA Scuola Normale Superiore

Visita: www.sns.it

Mario Brunello: violoncello piccolo - musiche di Bach

Programma
Johann Sebastian Bach (Eisenach, 1685 – Lipsia, 1750)
Sonata n. 1 in sol minore per violino BWV 1001
Adagio
Fuga (Allegro)
Siciliana
Presto

Partita n. 1 in si minore per violino BWV 1002
Allemanda – Double
Corrente – Double (Presto)
Sarabande – Double
Tempo di Borea – Double

Partita n. 2 in re minore per violino BWV 1004
Allemanda
Corrente
Sarabanda
Giga
Ciaccona

Mario Brunello
Mario Brunello è uno dei più affascinanti, completi e ricercati artisti della sua generazione. Solista, direttore, musicista da camera e di recente pioniere di nuove sonorità con il suo violoncello piccolo, è stato il primo Europeo a vincere il Concorso Čaikovskij a Mosca nel 1986. Brunello è un violoncellista dotato di un talento e di una libertà espressiva fuori dal comune, che gli permettono di affrontare con eguale sensibilità repertori che spaziano dalla musica antica a quella contemporanea.

Il suo stile autentico e appassionato lo ha portato a collaborare con i più importanti direttori d’orchestra quali Antonio Pappano, Valery Gergiev, Myung-whung Chung, Yuri Temirkanov, Zubin Mehta, Ton Koopman, Manfred Honeck, Riccardo Muti e Seiji Ozawa.

Nell’arco della sua lunga carriera, Mario Brunello si è esibito con le più prestigiose orchestre del mondo tra cui la London Symphony e la London Philharmonic Orchestra, la Philadelphia Orchestra, la San Francisco Symphony, la NHK Tokyo, l’Accademia di Santa Cecilia, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, la Filarmonica della Scala e la Filarmonica di Monaco, per citarne alcune.

Nell’ambito cameristico ha coltivato stimolanti collaborazioni con autorevoli personalità tra cui Gidon Kremer, Martha Argerich, Yuri Bashmet, Andrea Lucchesini, Frank Peter Zimmermann, Giuliano Carmignola, Maurizio Pollini e il Quartetto Borodin.

Visita: www.sns.it

L'aria della libertà - L'Italia di Piero Calamandrei

Concerto multimediale di Nino Criscenti e Tomaso Montanari.
Tomaso Montanari, narratore
Luca Cipriano, clarinetto
Francesco Peverini, violino
Valeriano Taddeo, violoncello
Marco Scolastra, pianoforte

Musica
Paul Hindemith (1895-1963)
Mäßig bewegt (I movimento) dal Quartetto per clarinetto, violino, violoncello e pianoforte (1938)

Igor Stravinskij (1882-1971)
Tre pezzi per clarinetto solo (1919)

Olivier Messiaen (1908-1992)
Louange à l’Éternité de Jésus per violoncello e pianoforte da Quatuor pour la fin du Temps (1940)

Alfredo Casella (1883-1947)
Ostinato da 2 Ricercari sul nome BACH op. 52 per pianoforte solo (1932)

Dmitrij Šostakovič (1906-1975)
Allegro con brio dal Trio n. 2 in mi minore op. 67 per violino, violoncello e pianoforte (1944)

Dmitrij Šostakovič
Allegro dalla Sonata in re minore op. 40 per violoncello e pianoforte (1935)

Paul Hindemith
Sehr lebhaft (III movimento) dal Quartetto per clarinetto, violino, violoncello e pianoforte

Dmitrij Šostakovič
Largo dal Trio n. 2 in mi minore op. 67 per violino, violoncello e pianoforte

Mario Castelnuovo-Tedesco (1895-1968)
Scherzo dalla Sonata op. 128 per clarinetto e pianoforte (1945)

Cinegiornali Luce
Roma. XV annuale della Guardia della Rivoluzione, 9 febbraio 1938
L’Italia imperiale. I annuale dell’Impero, 9 maggio 1937
Roma. Il Duce alla sfilata di 10.000 camicie nere, 28 settembre 1938
Roma. Piazza Venezia, 10 giugno 1940

Visita: www.sns.it

Emanuele Arciuli - pianoforte, Andrea Rebaudengo - pianoforte

Musiche di Debussy, Einaudi, Stravinsky, Rzewski.

Programma
Claude Debussy (Saint_germain_en_laye, 1862 – Parigi, 1918)
En blanc et noir, Tre capricci per due pianoforti

Avec emportement
Lent. Sombre
Scherzando
Ludovico Einaudi (Torino, 1955)
Metamorfosi, da “Salgari”

Igor Stravinsky (Lomonosov, 1883 – New York, 1971)
Concerto per due pianoforti

Con moto
Notturno. Adagietto
Quattro variazioni
Preludio e fuga
Fredric Rzewski (Westfield (Massachusetts), 1938)
Winnsboro cotton mill blues

Visita: www.sns.it

Cerimonia di premiazione del premio Paola Bora - prima edizione

Con grandissimo piacere annunciamo che venerdì 26 marzo alle ore 11.00 si svolgerà la cerimonia di conferimento del Premio "Paola Bora".
Alla miglior tesi di laurea e tesi dottorato in studi di genere verranno assegnati, rispettivamente, 3mila e 6mila euro.

Visita: www.sns.it

Simonide Braconi, viola e viola d'amore - Andrea Dindo, pianoforte

Programma
Robert Schumann (Zwickau, 8 giugno 1810 – Endenich, 29 luglio 1856)
Adagio e Allegro op. 70

Paul Hindemith (Hanau, 16 novembre 1895 – Francoforte, 28 dicembre 1963)
Kleine Sonaten op.25 n. 2 per viola d’amore e pianoforte
Massig schnell
Sehr Langsam
Sehr lebhaft

Simonide Braconi
Fantasia in due movimenti per viola e pianoforte

Pyotr Ilych Tchaikovsky (Votkinsk, Russia, 1840 - San Pietroburgo, 1893)
Notturno op. 19

Johannes Brahms (Amburgo, 7 maggio 1833 – Vienna, 3 aprile 1897)
Sonata op. 120 N. 1 per viola e pianoforte
Allegro appassionato
Andante un poco adagio
Allegretto grazioso
Vivace

Andrea Dindo
Allievo di Renzo Bonizzato presso il Conservatorio di Verona, ha perfezionato successivamente gli studi pianistici per un triennio con Aldo Ciccolini, Andrzej Jasinski presso il Mozarteum di Salisburgo ed Alexis Weissenberg, in seguito a selezione internazionale, presso la masterclass di Engelberg (Lucerna).

Visita: www.sns.it

I seminari di Incipit - Lorenzo Mesini, L'egemonia nell'età globale

A partire da una ricognizione storica del concetto vengono discussi i principali nodi connessi ai modelli differenti di egemonia -tra cui quello formulato da Antonio Gramsci nei Quaderni- prestando particolare attenzione al rapporto tra egemonia e ordine internazionale. La premessa concettuale e storica della ricerca può essere individuata come segue: sul piano della politica mondiale l’egemonia è strettamente correlata all’unità del mondo e all'approfondimento delle interdipendenze economiche e politiche che nel corso del Novecento si sono sviluppate su scala globale. Il presupposto storico dell’egemonia in età contemporanea è costituito dunque dalla struttura unitaria del mondo come prodotto del moderno sistema capitalistico. È dunque sul piano della storia mondiale e delle relazioni internazionali che la categoria di egemonia mostra tutta la sua pregnanza. Verranno discusse infine le principali questioni connesse all'assenza di un ordine internazionale autenticamente egemonico
dopo la fine della guerra fredda, tra cui il declino del primato americano, l'ascesa della Cina e il rapporto con gli USA e l'evoluzione della guerra alla luce del rapporto classico che in età moderna la legava all’egemonia internazionale.

Incipit – un progetto editoriale a cura di
Scuola Normale Superiore
Fondazione Collegio San Carlo, Modena
Fondazione Gramsci, Roma
Fondazione Feltrinelli, Milano
Istituto Italiano per gli Studi Storici, Napoli
Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, Firenze
Museo Galileo, Firenze

Visita: www.sns.it

Sestetto Wanderer - Strumentisti del teatro alla Scala

Musiche di Martinů, Schulhoff, Brahms.

Organico
Sestetto Wanderer - Strumentisti del Teatro alla Scala

Agnese Ferraro, Lucia Zanoni, violini
Duccio Beluffi, Joel Imperial, viole
Gianluca Muzzolon, Beatrice Pomarico, violoncelli
Programma
Bohuslav Martinů (Polička, 1890 – Liestal, 1959)
Sestetto per archi H 224
Lento. Allegro poco moderato
Andantino. Allegretto scherzando, Andantino
Allegretto poco moderato

Erwin Schulhoff (Praga, 1894 – WeinBenburg in Bayern, 1942)
Sestetto d’archi
Allegro risoluto
Tranquillo
Burlesca
Molto Adagio

Johannes Brahms (Amburgo, 1833 – Vienna, 1897)
Sestetto per archi op. 36 in Sol Maggiore
Allegro non troppo
Scherzo Allegro non troppo - Presto giocoso - Tempo Primo
Poco adagio
Poco allegro

Visita: www.sns.it