184 utenti


Libri.itART RECORD COVERS - 40th AnniversaryLABIRINTILA FORESTAHR GIGER - 40th AnniversaryCHINESE PROPAGANDA POSTERS
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Categoria: Bergamo Scienza 2021

Visita: https://festival.bergamoscienza.it/

Totale: 72

Delle conchiglie e dello scioglimento dei ghiacci [Tom Battin e Anna Daneri]

La vita negli oceani è il vettore primario del ciclo del carbonio, oggi stravolto pesantemente dalle attività umane. Una delle più gravi conseguenze di questo sconvolgimento è il surriscaldamento globale, causa dello scioglimento dei ghiacci e dell’innalzamento dei mari.

In questo incontro metteremo in relazione la vita marina con lo scioglimento dei ghiacci, cercando di evidenziare quell’unica, ma ancora inesplorata, ‘giungla’ microbiotica che rischiamo di perdere se il nostro #pianeta continuerà a riscaldarsi.

Con Tom Battin e Anna Daneri

Visita: festival.bergamoscienza.it

La (non) logica del micromondo [Dario Menasce, Luca Perri]

La fisica quantistica, oltre ad averci aperto gli occhi su nuovi orizzonti di possibilità, regola in ogni istante la nostra vita: dalle particelle subatomiche di cui siamo fatti a quelle che compongono qualsiasi strumento elettronico che utilizziamo.

Dalle prime sconvolgenti scoperte di Max Planck ad inizio '900 ad oggi, la fisica e la scienza in generale ripongono nello studio del micromondo la speranza di future scoperte che possano portarci a nuovi livelli di comprensione. Ci sono ancora tantissime cose da assimilare e comprendere nel regno dei quanti.

Quantisticamente parlando abbiamo invitato il fisico Dario Menasce, in dialogo con @Luca Perri, per cercare di far luce tra le logiche -e soprattutto le non logiche- che regolano queste nuvole di probabilità.

Visita: festival.bergamoscienza.it

Algoritmi buoni ed algoritmi cattivi [Alfio Quarteroni, Nicola Quadri]

Contrariamente a ciò che molti credono i matematici non sono interessati solo a teorie e astrazioni, ma cercano di creare modelli in grado di descrivere e predire il mondo che ci circonda. Come si diffonde un'epidemia? Come si muove il sangue all'interno del cuore? Quale geometria dello scafo ottimizza la velocità di una barca a vela? Integrando tra loro modelli fisici con grandi quantità di dati provenienti dal mondo reale e algoritmi di intelligenza artificiale siamo capaci, al giorno d’oggi, di descrivere e prevedere fenomeni sempre più complessi. Ma costruire buoni algoritmi non è banale, così come monitorare i loro errori e pregiudizi, aspetto fondamentale in un mondo sempre più governato da dati e macchine che li sanno leggere.

Visita: festival.bergamoscienza.it

Guerre digitali [Carola Frediani e Martina Pennisi]

Con l’allargamento della rete e la possibilità di accedere tramite una connessione internet a sempre più luoghi, enti, servizi, tecnologie e informazioni personali, lo spazio virtuale sta diventando sempre di più teatro di attacchi di terrorismo, guerre di rete, attività di spionaggio ed estorsioni criminali ai danni di comuni cittadini. In questo spazio si incontrano governi, agenzie private, investitori, cyber-criminali e attivisti politici, in un continuo rimescolamento dei ruoli e delle alleanze, con implicazioni tutt’altro che virtuali, come i recenti attacchi agli oleodotti americani hanno ampiamente dimostrato. Come possiamo difendere le nostre società in questo nuovo scenario sfuggente ed elusivo? Quali regole belliche dovrebbero valere? È possibile bilanciare privacy e sicurezza, e dove tracciare il limite della sorveglianza statale?

Con Carola Frediani e Martina Pennisi

Visita: festival.bergamoscienza.it

Che cos’è la vita? [Paul Nurse, Telmo Pievani e Luigi Ripamonti]

È forse, in assoluto, la domanda scientifica –e insieme esistenziale– più complessa: che cos’è la vita? Cosa distingue un organismo vivente da un oggetto inanimato, soprattutto se gli elementi che compongono i due sono gli stessi? Paul Nurse, premio Nobel per la Medicina nel 2001, non ha mai smesso di porsela, fin da quando era bambino. Oggi, dopo una vita dedicata a svelare i segreti delle cellule e del loro ciclo di riproduzione, Nurse ripercorre le grandi idee e scoperte della biologia e ci racconta –attraverso un’entusiasmante sintesi di chimica, fisica, genetica e teoria dell’informazione– come la vita complessa possa emergere dalla materia inanimata, invitandoci a guardare con occhi differenti al nostro posto sul pianeta e alle sfide ambientali da cui dipende la nostra sopravvivenza.

Con Paul Nurse, Telmo Pievani e Luigi Ripamonti

Visita: festival.bergamoscienza.it

La coscienza delle api [Giorgio Vallortigara, Willy Guasti]

Sono tantissimi i pensatori contemporanei –filosofi e scienziati– convinti che gli animali siano delle “macchine” biologiche, ovvero che non abbiano un’esperienza cosciente paragonabile a quella umana. Secondo questo approccio, la coscienza –ovvero la capacità di distinguere tra sé stessi e il mondo circostante e di percepirsi come soggetti distinti– è frutto di cervelli voluminosi e complessi. Eppure, la ricerca nel campo delle capacità cognitive di api o mosche, organismi con cervelli miniaturizzati, suggerisce nuove ipotesi. E se bastasse possedere organi sensoriali e la capacità di movimento per produrre un’esperienza cosciente? Se anche un’ape o una mosca avessero una coscienza?

Con Giorgio Vallortigara e @ZooSparkle

Visita: festival.bergamoscienza.it

Sempre più connessi, ma sempre più divisi [Walter Quattrociocchi e Carlo Canepa]

L’avvento di Internet, degli smartphone, e soprattutto dei social media, ha cambiato quasi ogni aspetto della nostra vita: dal modo di muoversi e lavorare a quello di prendersi cura del proprio corpo, di conoscere nuove persone e di innamorarsi. Ma è forse come ci informiamo e come costruiamo le nostre opinioni sul mondo ad aver subito la trasformazione più radicale: i social media e i motori di ricerca mostrano infatti contenuti diversi a ognuno di noi, costruiti su misura sulla nostra identità sociale, anagrafica e politica. Il risultato è che viviamo isolati all’interno di una cosiddetta “cassa di risonanza” (in inglese “echo-chamber”), in cui le nostre opinioni vengono riflesse, amplificate ed estremizzate, al sicuro da fatti o idee discordanti. In questa nuova società online a compartimenti stagni, disinformazione e notizie false –soprattutto se eclatanti– prosperano e le posizioni sociali e politiche si polarizzano. E la democrazia, basata sul confronto e la discussione, si indebolisce lasciandoci ognuno nella propria bolla.

Con Walter Quattrociocchi e Carlo Canepa

Visita: festival.bergamoscienza.it

Delle conchiglie e dello scioglimento dei ghiacci [Tom Battin e Anna Daneri]

La vita negli oceani è il vettore primario del ciclo del carbonio, oggi stravolto pesantemente dalle attività umane. Una delle più gravi conseguenze di questo sconvolgimento è il surriscaldamento globale, causa dello scioglimento dei ghiacci e dell’innalzamento dei mari.

In questo incontro metteremo in relazione la vita marina con lo scioglimento dei ghiacci, cercando di evidenziare quell’unica, ma ancora inesplorata, ‘giungla’ microbiotica che rischiamo di perdere se il nostro #pianeta continuerà a riscaldarsi.

Con Tom Battin e Anna Daneri

Visita: festival.bergamoscienza.it

Le particelle che potrebbero riscrivere la fisica [Dario Menasce, Cristian Manzoni]

Nel 1936 il fisico statunitense Carl David Anderson e il suo studente Seth Neddermeyer stavano studiando i raggi cosmici, particelle in arrivo dallo spazio che impattano sull'atmosfera e la attraversano. I due notarono che, nell'attraversare un campo magnetico, alcune di queste deviavano la propria traiettoria in maniera diversa dagli elettroni e da altre particelle note: avevano scoperto i muoni. Oggi sappiamo che i muoni attraversano il nostro corpo ogni secondo, provenendo dallo spazio, li sfruttiamo per confermare la teoria della Relatività, per cercare stanze nascoste nelle piramidi, contrastare il traffico illegale di materiale fissile e monitorare l’attività dei vulcani. Eppure, a 85 anni dalla scoperta, la loro natura ancora ci sfugge: un recente esperimento ha infatti mostrato come ci sia ancora molto da scoprire. E come, forse, una parte della fisica che conosciamo vada riscritta.

Con Dario Menasce e Cristian Manzoni

Visita: festival.bergamoscienza.it

Scienza in azienda: Brembo SpA

Nata come piccola officina meccanica nel 1961, nel 1964 Brembo cambia per un evento fortuito il proprio destino: un autocarro proveniente dall’Inghilterra che trasporta dischi freno per Alfa Romeo si capovolge. Temendo che l’incidente possa avere provocato danni ai dischi, viene chiesto a Brembo di ripararli. In azienda si rendono dunque conto che i componenti inglesi non sono poi così sofisticati. Da allora Brembo produce dischi freno per due e quattro ruote, nel mondo delle corse così come in quello quotidiano, migliorando costantemente non solo le prestazioni, ma innovando struttura e design, ricercando e sviluppando nuovi materiali e lasciando il segno non solo nell’evoluzione dei sistemi frenanti.

Intervengono:
Roberto Vavassori, Direttore delle Relazioni Istituzionali Brembo S.p.A.
Sara Arragoni, Progettista Divisione Sistemi Brembo S.p.A.
Gianluca Dotti, Giornalista scientifico

Visita: festival.bergamoscienza.it