237 utenti


Libri.itQUANDO DORMO LA NOTTE…LALAL’ANIMA DI TIANIL LUPO IN MUTANDA 3 - FURIOSI E VELOCILABIRINTI
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Categoria: Opponiamoci

Sottocategorie

Totale: 60

Utopia/utopie - Rototom il più grande festival reggae del mondo

Il Rototom Sunsplash. Un piccolo gruppo tenuto insieme da grandi sentimenti Tanta fatica, pochi soldi, tanta musica. Il Friuli, la provincia italiana, e poi la Spagna. Una grande scommessa: coniugare amicizia e lavoro, etica e progettualità. Oggi il più grande festival di musica reggae del mondo. Inseguire il sogno ad occhi aperti.

Fin dagli esordi tante sono state le difficoltà e le battaglie da sostenere per portare avanti il lavoro, oggi con una pandemia in atto non ci si perde d’animo.

Questo video ripercorre la storia e le strade dell’Utopia (realizzata) del Rototom.

Video a cura di Tommaso D’Elia e Simone Pallicca

Tutte le vite valgono - storie di routine migranti

“E –vi preghiamo– quello che succede ogni giorno non trovatelo naturale. Di nulla sia detto: "è naturale" in questi tempi di sanguinoso smarrimento, ordinato disordine, pianificato arbitrio, disumana umanità, così che nulla valga come cosa immutabile.“
Bertolt-Brecht

Gian Andrea Franchi, 84 anni, professore di filosofia in pensione e sua moglie Lorena Fornasir sono sotto accusa per il ‘reato di solidarietà’. Paolo Rumiz, giornalista e scrittore, si autodenuncia attraverso una lettera pubblicata dal ‘Il Piccolo’ di Trieste per la stesso comportamento ‘accoglienza verso chi ne ha bisogno’. Ma questo avviene anche per le organizzazioni come Open Arms piuttosto che Baobab piuttosto che Riace. Questo video è dedicato ai migranti e a chi li aiuta.

Video a cura di Tommaso D’Elia, Simone Pallicca, Luca D’Agostino con la collaborazione del collettivo di filmmaker Opponiamoci.

Working Class Heroes. Camminando e cantando la canzone del primo maggio

un film di Giandomenico Curi
Produzione: AAMOD (Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico)

Un viaggio (decisamente poco ortodosso) dentro il tema del lavoro e del primo maggio, accompagnato dalla presenza, strabica e incostante, della macchina da presa, a partire da Sortie d'usine (l'uscita dalla fabbrica) dei fratelli Lumière, sulla quale Harun Farocki ha poi costruito una sua teoria che riguarda appunto il rapporto tra la fabbrica (cioè sfruttamento e alienazione) e il cinema (divertimento, consumo, spettacolo). Ed è il cinema, insieme alla canzone, che ha creato i suoi working class heroes, gli eroi della classe operaia di cui parla Lennon, ma anche Springsteen, Cocker, Strummer, Bragg, i Gang e via elencando. Al centro del film rimane tuttavia lo zoccolo duro del cinema documentaristico, le immagini che, anche grazie al lavoro di documentazione dell'AAMOD, per anni hanno accompagnato il grande fiume del popolo del primo maggio, camminando, cantando, rivendicando un altro mondo possibile.

WORKING CLASS HEROES.
CAMMINANDO E CANTANDO LA CANZONE DEL PRIMO MAGGIO
Italia. Colore e B&N - 50 min.
Regia: Giandomenico Curi
Sceneggiatura: Giandomenico Curi
Montaggio: Milena Fiore
Voci Fuoricampo: Donatella Allegro, Giandomenico Curi

Darien - Una rotta fantasma

Centinaia di migliaia di persone negli ultimi anni affrontano viaggi inimmaginabili per difficoltà e costi con l’obiettivo di emigrare in America. Oltre ai Centro Americani e Messicani un gran numero viene dall’Asia, dal Medio Oriente e dall’Africa. Persone in fuga dalla violenza e dall’estrema povertà. I soli paesi che offrono a questa gente un visto di entrata sono il Brasile e l’Equador. Il resto delle frontiere, quasi 10, deve essere passato illegalmente. Per passare dal Sud America a Panama dove sperano di essere accolti come rifugiati, devono traversare una foresta pluviale. La foresta del Darien.

Un video montaggio di Paolo Paci edizione Simone Pallicca

Visita: www.youtube.com

Seize the time di Antonello Branca

Il Collettivo Opponiamoci pubblica una serie di filmati sugli Stati Uniti d’America.
Un ciclo che vuole dare un contributo alla comprensione di quello che accade in un paese dove un presidente, Donald Trump, va alle elezioni del 2020. Iniziamo con il film “Seize the time” di Antonello Branca e a seguire una serie di contributi video (interviste, documenti filmati, corrispondenze) fino alla elezione del nuovo presidente.
Buona visione.

Film culto degli anni Settanta girato da Antonello Branca, sul movimento delle Pantere Nere.
Il film vinse nel 1971 il Premio di qualità dell'allora ministero del Turismo e dello Spettacolo.
Il lungometraggio venne realizzato negli Stati Uniti, seguendo dall'interno il lavoro del Black Panther Party.
L'impianto narrativo di Branca fonde abilmente i canoni del cinema verité a quello del teatro di guerriglia.

Nawal Soufi: Rotta balcanica

Video montaggio a cura di Elena Caronia, edizione Simone Pallicca
È appena partita da Lesbo Nawal Soufi, dove per 4 anni ha fatto quello che fa da una vita, ovvero aiutare in modo volontario migliaia di migranti a sopravvivere al viaggio della disperazione.
“E ora ho cominciato a documentare quel che succede nella rotta balcanica. Aiuterò tutte le persone che troverò nel mio tragitto. Comprerò cibo, vestiti, farmaci e farò fare visite private quando sarà impossibile accedere agli ospedali pubblici. Vi chiedo di starmi vicino anche solo condividendo le notizie.”
"Siamo arrivati sfiniti e abbiamo toccato con mano cosa significa innalzare barriere e rendere l’Europa permeabile solo attraverso le mafie organizzate. La chiusura delle frontiere non favorisce la legalità. Servono corridoi umanitari che accompagnino milioni di essere umani fuori dalle guerre che abbiamo generato".
Io voglio provare a fare quella rompighiaccio che cercava Vincino

Utopia/utopie

Con questo film del collettivo Opponiamoci, continuiamo la nostra galoppata tra le Utopie. Un video a più mani, un tentativo degli autori di Opponiamoci di rappresentare attraverso immagini e suoni il concetto di Utopia. Buona visione…

Un video curato dal Collettivo Opponiamoci
E in particolare per il montaggio da Elena Caronia, Paolo Paci, Dario Bellini, Ugo Adilardi

El utópico andante… pero sueña con los ojos abiertos

Il collettivo di film maker Opponiamoci inizia con questo nuovo filmato-omaggio a Fernando Birri un nuovo percorso chiamato Utopia/utopie.

Fernando Birri, poeta, regista, film maker, fondatore ed inventore della scuola di cinema di Cuba insieme a Gabriel García Márquez, rappresenta per noi un ‘cacciatore di sogni’. Ma come lui stesso diceva ‘sempre ad occhi aperti’. Un simbolo dunque ed un segnale di speranza per un mondo diverso e migliore. Buona visione

«Io faccio due passi, lei ne fa due, e l'orizzonte corre dieci passi più in là. Allora, per cosa funziona l'Utopia? Per questo: serve per camminare!» Con le parole del nostro amico Fernando Birri, cineasta, teorico, visionario, burattinaio, poeta, attore, pittore, in sintesi utopista concreto. Con le sue parole il film di montaggio realizzato da Monica Maurer, Ugo Adilardi e Milena Fiore

Un'altra utopia: la città del sole

di Ugo Adilardi, Marco Casodi, Tommaso D'Elia, Milena Fiore
Una bella storia. La storia di chi ha creduto che i "diversi" -in questo caso i pazienti psichiatrici- possano e debbano avere una esistenza "normale".

E ha dimostrato che si può fare, che questa utopia -come tante altre- è realizzabile.

La fondazione "la città del sole" da più di venti anni lavora con i pazienti psichiatrici e nel corso del tempo ha costruito con loro straordinarie attività, un modello abitativo inclusivo e non isolato: una stazione radio divertente e fantasiosa, un apprezzatissimo festival di cinema, un ristorante coi fiocchi.

E non è finita qui... gli operatori e Matteo e Vanni e gli altri (a cui è impossibile non voler bene) sono pronti per altre esemplari imprese.

L'utopia. Viaggio al termine della pandemia

Lei è all’orizzonte irraggiungibile.

a cosa serve l’utopia?

serve a camminare sui volti di ferro schiacciato in smorfia dolorosa nell'installazione nel museo della shoah di Berlino

a trovare un'uscita oltre il buio

che cos’è l’utopia?

è un non luogo …però c'è sempre un però …risponde il compositore Antonello Neri all'interno di una cava di pomice

La pandemia è un portale tra un mondo e un altro da attraversare utopicamente ricchi di immaginazione alla ricerca continua di una nuova visione

continuando a camminare….

Video a cura di Elena Caronia